Un rimedio per il “mal di Provenza”: tartine provençale!

13 Set

Quando fai un viaggio, che non è solo una vacanza, ti porti dietro per lungo tempo il piacere degli incontri fatti, la bellezza dei luoghi visitati e i profumi scoperti nel piatto e nell’aria. La Provenza e la Camargue, che ho visitato ad agosto, hanno lasciato il segno. E ogni volta che ne sento parlare (vedi il blog   Un Tocco di Zenzero), m’illumino e vado ad annusare i miei souvenir…

Apro il cassetto della biancheria e sento il profumo che arriva dai sacchetti di lavanda, in bagno non manca il sapone di Marsiglia e in cucina, il mio naso mi porta dritto nel vasetto che custodisce le erbe provenzali, un mix di basilico, maggiorana, origano, salvia e timo, di cui ho fatto incetta nei mercatini francesi, prima di ritornare a casa.

E sulla scia di questi aromi, è nata la semplice preparazione che vi presento oggi: la mia Tartine Provençale

Ingredienti

– 2 fette generose di pane casereccio (io ho utilizzato del pane comprato al mercato contadino, preparato con farina di mais e di segale)
– 1 pomodoro perino rosso
– Fromage de chèvre (formaggio di capra francese, io l’ho trovato al supermercato)
– Mix di erbe provenzali
– Olio evo
– Miele alla lavanda

Preparazione

Mettere sul pane dei pezzetti di formaggio, coprirlo con fette sottili di pomodoro, spolverare con le erbe di Provenza e aggiungere un filo d’olio evo. Non ho salato, perché tra il sapore del formaggio e le spezie non mi è sembrato necessario, ma chi vuole può anche mettere un po’ di sale seguendo il proprio gusto.

Trasferire le fette su una teglia rivestita con carta forno e infornare per circa 10 minuti a 180° più due minuti con il grill acceso. Il formaggio si scioglierà per legarsi al pane appena croccante, fondendosi con i pomodori, mentre le erbe aromatiche sprigioneranno il loro inconfondibile profumo.

Prima di servire, la tartine incontrerà la delicatezza del miele alla lavanda, aggiunto a piacere con lo spargimiele. Beh, a questo punto non posso che suggerire in abbinamento un vino rosé Côtes-de-Provence.

Bon appetit!

Annunci

5 Risposte to “Un rimedio per il “mal di Provenza”: tartine provençale!”

  1. ideeintavola 13 settembre 2012 a 15:43 #

    Che bella che deve essere la Provenza, mi piacerebbe tanto andarci… mi accontenterò di provare i tuoi crostini… Piccolo problema, in cosa consiste il mix di erbe provenzali?

    • News and Foodies Mariacristina 13 settembre 2012 a 16:13 #

      e si, la Provenza è prpprio bella… val la pena visitarla! Le erbe provenzali sono una misclela di erbe aromatiche essiccate in genere composta da basilico, maggiorana, origano, salvia e timo. Questo è il mix che ho utilizzato io, anche se si possono trovare delle miscele arricchite con menta, finocchietto e altri aromi 🙂

  2. Fulvio 19 ottobre 2012 a 10:04 #

    A proposito di “provençale”, mai provato a fare la focaccia con olive e lavanda?

    Si parte dalla base della focaccia (salata) tradizionale; in una ciotolina si mette mezzo cucchiaio di fiori di lavanda (più o meno), uno spicchio d’aglio a lamelle, e un paio di cucchiai d’olio.
    Prima di infornare si spennella la focaccia con l’olio (distribuendo pure fiori e aglio) e si spargono sopra un pugno di olive (magari nere, cotte al forno), e a cuocere.

    Al primo assaggio tutti incuriositi da “quest’erba” che non si capisce bene, fino ad arrivare al commento, più disarmante (!), “odora di cassetto”.

  3. Erboristeria vendita online 3 settembre 2014 a 14:45 #

    Una ricetta sana e gustosa, complimenti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: