Archive | agosto, 2014

Insalata da Tiffany: “l’insalata come non l’avete mai vista”

25 Ago

Facile parlare di insalate, soprattutto in estate. Difficile non essere banali e proporre qualcosa di inedito e invitante, che non sia il solito contorno scontato.

Qualche spunto interessante, che mescola creatività, tradizione e un pizzico di inventiva, arriva dal libro Insalata da Tiffany, che fa parte della collana MTChallenge, curata da Alessandra Gennaro per Sagep Editori. Il primo volume è stato dedicato al patè e se siete curiosi, leggete qui.

Insalata da Tiffany

I contenuti nascono da una sfida culinaria partita grazie ad un tam tam sul web e l’eleganza minimal con cui vengono elaborati, rappresentano un innegabile punto di forza.

In Insalata da Tiffany trovate ricette in cui la creatività e la bontà della materia prima si combinano per esaltare un piatto ingiustamente relegato solo al ruolo di contorno.

Le belle foto di Paolo Picciotto e le illustrazioni perfette di Mai Esteve, contribuiscono ad esaltare colori, sapori e profumi, che si mescolano ricordando la lezione tramandata da Escoffier, Herbodeau, Pardini, Poupart e gli altri grandi cuochi che, con le loro creazioni, accompagnarono i fasti della Belle Epoque.

Insalata da Tiffany si ispira alle ricette di quell’epoca, rivisitandole in chiave contemporanea. Oltre cento proposte tra emulsioni, sali aromatizzati e salse fatte in casa che trasformano le insalate in piatti protagonisti.

Con l’acquisto del libro si sostiene il progetto Piazza dei Mestieri. Ed ora chi vuole mettersi alla prova con una Waldorf Salade, una Salade Bernhardt o un’insalata Orient Express?

Io vi propongo un “pezzo facile” che si affida esclusivamente alla bontà della materia prima: l’insalata caprese. In foto, c’è quella che ho mangiato in vacanza, davanti al mare della costiera amalfitana, ammirando in lontananza Li Galli e i Faraglioni di Capri…

IMG_20140816_155513 (1)

Ingredienti (per 2 persone)

250 gr di fior di latte di Agerola (o mozzarella di bufala campana dop), 200 gr di pomodori maturi ma sodi, qualche foglia di basilico, origano secco, sale, olio extra vergine d’oliva.

Preparazione

Tagliare a fette i pomodori e il fior di latte (o la mozzarella sgocciolata) e disporli in un piatto da portata alternando i pezzi. Condire i pomodori con un pizzico di sale, aggiungere un filo d’olio, una spolverata di origano e tanto basilico fresco e profumato.

 

Un po’ di fatti miei mentre bevo un drink ai mirtilli

4 Ago

Vi racconto un po’ di fatti miei. In questi  mesi sono cambiate diverse cose. Ho un nuovo lavoro, che mi porta a degli orari diversi rispetto alla vita da free lance, a cui mi ero abituata negli ultimi tempi. Contemporaneamente, ho deciso di cambiare casa e quindi da qualche settimana è partita la ristrutturazione del nuovo appartamento. Avete mai visitato gli scavi di Pompei? Ecco, casa mia, in questo momento, è in quella fase…

Svelato il motivo per cui, ultimamente, aggiorno con meno costanza questo blog, non abituatevi troppo alla mia assenza. Tempo qualche settimana e ritornerà tutto come prima, più di prima. Promesso!

Intanto, qui al nord, l’estate vera e propria si fa ancora attendere (arriverà mai?), ma ogni occasione è buona per bere qualcosa di fresco e dissetante.

Questo è un drink analcolico (ma vi basterà poco per personalizzarlo e renderlo più hot aggiungendo qualche goccia di gin o vodka) a base di mirtilli.

mirtilli

 

Drink ai mirtilli

Ingredienti (dose per 1 bicchiere, da moltiplicare all’infinito)

8 mirtilli, 200 ml di acqua gassata aromatizzata ai frutti rossi (io ho usato soda caps), 1 cucchiaino di zucchero di canna, 10 ml di succo di limone, 1 fettina di limone, 1 rametto di rosmarino fresco.

In un bicchiere capiente, pestare 6 mirtilli con lo zucchero, aggiungere il succo di limone, qualche cubetto di ghiaccio, l’acqua frizzante aromatizzata ai frutti rossi e mescolare. Per decorare, inserire la fetta di limone (tagliata sottile), 2 mirtilli infilati in uno stecchino di legno e il rametto di rosmarino.

Fresca estate!