Archivio | novembre, 2014

A Milano c’è il cioccolato da passeggio di Gay Odin

17 Nov

A Milano, si conferma e si rinnova un pezzo bello e buono di quella Napoli che non tutti conoscono.

Gay Odin, storica fabbrica di cioccolato artigianale con origini piemontesi, dalla fine dell’800, nella città partenopea è sinonimo di cioccolato di elevata qualità.

Immaginate un "ciocco-cuoppo" pieno di queste delizie...

Immaginate un “ciocco-cuoppo” pieno di queste delizie…

Il signor Isidoro Odin portò tutta la sua competenza, oggi custodita dalla famiglia Maglietta, che nella storica sede della fabbrica in Via Vetriera, crea delizie a base di cacao secondo l’antica ricetta.

Gay Odin ha una sede a Roma e da sei anni è presente anche a Milano, dove ha appena rinnovato, in chiave più contemporanea, la sede in Via San Giovanni sul Muro. Qui ci si può soffermare a bere una cioccolata calda, gustare un profumato caffè “cioccolatoso” o una fresca mousse fredda di cioccolato foresta, accomodandosi nel salottino o servendosi al banco, che ricorda una tavoletta di cioccolato

Il cioccolato "foresta" vera specialità di Gay odin

Il cioccolato “foresta” vera specialità di Gay Odin

Oltre alla cioccolateria classica, con i nudi e le tavolette, ci sono i wafer, le noci e le ghiande ripiene di creme deliziose e il torrone morbido. A Milano è arrivata una novità, il ciocco-cuoppo da passeggio. Un cartoccio di cioccolatini in stile street food da portare in giro durante lo shopping.

Il cibo delle sirene: pasta con le zucchine alla Nerano

5 Nov

Se penso a Marina del Cantone, alla Baia di Nerano e alle meravigliose spiagge che vanno dalla Costiera Sorrentina a quella Amalfitana, magiche in qualsiasi stagione, non posso non ricordare i sapori e i profumi di queste terre.

È qui che nasce un piatto dal gusto unico, la pasta con le zucchine alla Nerano o spaghetti alla Maria Grazia, dal nome del ristorante dove sono stati inventati.

DSCN4660

Solo apparentemente semplice da realizzare, dicono che il segreto sia trovare il giusto equilibrio nel dosare il mix di formaggi… ma ogni chef che la prepara, giustamente, usa un trucco personale.

Se volete scoprire la ricetta e il vino che ho scelto in abbinamento, vi invito a leggere il blog di Mezzacorona.
Buona lettura!